Fontane & Tabernacoli - 4 agosto 2015

martedì 4 agosto 2015 - il lavoro di questa giornata ha permesso di stabilire e conoscere un fatto apparentemente ovvio ma molto interessante: l'acqua delle sorgenti delle "terre alte" della Valdelsa sono state sempre scarse. Dalle colline l'acqua sgorga in rari punti e dove c'è è necessario utilizzarla al meglio.
Una importante fontana-sorgente da noi già conosciuta, era materialmente collegata con altre tre strutture più a valle che ne utilizzavano l'acqua per servire un piccolo centro abitato rurale posto a soli 5 Km da Castelfiorentino che in passato contava ben 70-100 abitanti stabili (secondo il periodo). ‪#‎CampagnediSalvaguardia

 

L'attività di ricerca sul campo, e quella di censimento, hanno permesso di collegare i pochi dati disponibili per ottenere conoscenza, non ultima la scoperta di tre strutture di distribuzione dell'acqua (fontane-lavatoi) non presenti in nessuna cartografia conosciuta.

RIFLETTENDO...
Oggi l'acqua potabilizzata si utilizza immediatamente per scolmare gli escrementi dal water (!) questa acqua viene inquinata e diventa un grave problema sanitario giacché gli organismi patogeni vi si sviluppano ottimamente ed è necessario conferirla prima possibile, con costose condotte fognarie, verso i centri di depurazione (ancora più costosi).
Sarebbe necessario un ripensamento nell'utilizzo di questa risorsa preziosa (e costosa): usare l'acqua sanitaria già impiegata, ma ancora utilizzabile per altri cicli d'uso in cui essa risulti ancora idonea (ad esempio irrigazione del giardino, sciacquone e poi biodepurazione.. per poterla rimettere nel ciclo dell'acqua con tranquillità) è un marchio distintivo di civiltà.

Mantieniti aggiornato sull'argomento. Seguici anche sui social:

  Associazione Eta Beta onlus

 Eta Beta Onlus