Fontane & Tabernacoli - 27 agosto 2015

giovedì 27 agosto 2015 -  ‪#‎CampagnediSalvaguardia‬

ci siamo spostati nuovamente sulla riva sinistra dell'Elsa. Le Sue acque oggi hanno ancora il colore della terra di Siena per le enormi quantità di detriti in trasporto per le piogge torrenziali di tre giorni fa che hanno battuto tutta la Valdelsa fino al senese ed a valle, ancora di più la valle dell'Arno inferiore ‪#‎CambiamentiClimatici‬

Oggi siamo tra Coiano e Castelnuovo; per terminare un lavoro alla fonte sotto la pieve intitolata ai SS. Pietro e Paolo: rilievo completo e misurazione della fontana riemersa dalla vegetazione prima di Ferragosto. Qui incontriamo Fausto che abita a due passi, parliamo di acqua (sic!) parliamo dei livelli delle sorgenti più bassi che in passato. Ed ognuno da la propria spiegazione. Finito il colloquio siamo pronti per ripartire, ma prima è necessario agganciare i dati trigonometrici del nuovo rilievo della fontana al costruito circostante, scegliamo la vecchia scuola della frazione e qui Fausto ci aiuta aprendo alcune porte che chiudevano la visuale. Arrivederci.

Sostienici con il tuo 2 e 5 per 1000 dell'IRPEF

Ci aspettano a Castelnuovo le cappelle di San Giuseppe e San Rocco, alcuni pilastrini e due fonti.

Ma in paese c'è fermento: chiuderanno a breve l'ufficio postale. L'aria tesa, circa 150 persone in piazza, e si vuole fermare la chiusura che devitalizzerebbe il paese.

Ci mettiamo però al lavoro ed intanto incontriamo alcune persone. C'è Paolo Pannocchi con la sua nuova associazione, Moira Falai che lavora per l'emittente televisiva locale ma è anche residente in paese; incontriamo anche Fabrizio Ghelli e Michele Tomasulo che ci mette a disposizione alcuni suoi vecchi lavori su due cappelle del paese, quest'ultimo è geometra; Nunzia e Paolo che lanciano un'idea per la nostra raccolta fondi, poi poco dopo anche Alessio Falorni il sindaco e Claudia Centi assessore che si trovano qui in occasione della manifestazione di protesta.

La campana suona ormai il tocco, quando abbiamo ancora da visitare due delle tre interessanti fonti di Castelnuovo, un antico castello che sorge su colline argillose piuttosto dirupate. Una di queste si trova in un giardino ed è solo grazie a Silvia Salvadori che riusciamo ad entrarvi ed a fare un sommario rilievo anche di questa: la fonte e seminterrata, è sempre stata così è una caratteristica di queste fonti che ha certamente origini lontane. Finito il rilievo dell'altra fonte partiamo per tornare alla base il sole di agosto si fa sentire, fa molto caldo, ma siamo riusciti a fare molto e questo ci consola della fatica.

Ricorda anche che è iniziata la raccolta fondi per il restauro della fontana di San Martino, uno dei più importanti monumenti e servizio per le comunità della zona da almeno 200 anni. Fu costruita nel 1817.
Per visionare causa e quello che si farà: https://www.youtube.com/watch?v=0w70r1m-Uwg
Dona anche tu. E' davvero importante!

Segui tutte le novità di quest'argomento sui social:

 Associazione Eta Beta onlus

Eta Beta Onlus

Fontane & Tabernacoli - 28 agosto 2015

venerdì 28 agosto 2015 -  ‪#‎CampagnediSalvaguardia‬

oggi siamo "solo" in tre abbiamo continuato a lavorare sui territori in riva sinistra all'Elsa, ma questa volta nel comune di Gambassi, il territorio da cui, quasi 10 anni fa, ebbero origine alcune delle ricerche che continuano ancora oggi.

Partiamo dal piano del fiume con le sue fontane che captano le acque sotterranee emergenti alla base dei contrafforti collinari, una zona abbastanza umida che ha un misto di vegetazione riparia e vegetazione più propriamente mediterranea.


Poi ci spostiamo salendo la via Volterrana per giungere a Gambassi dove troviamo il vecchio tabernacolo di Sant'Antonino, vecchio sì ma in discreta forma: grazie anche a nostri ripetuti interventi di eradicazione dei rampicanti che ne avevano cancellato la fisionomia.

Saliamo ancora fino al Castello di Gambassi alla ricerca di una Fonte attestata ancora dalla toponomastica locale, della quale abbiamo recentemente rintracciato interessantissime notizie d'archivio. Un report descrittivo dalla sede ci giunge poco dopo: le informazioni sono ricche e dettagliatissime, ma dobbiamo rimanere subito dopo delusi. Purtroppo constatiamo dopo circa venti minuti di perlustrazioni infruttuose che la Fonte dei Pozzi Vecchi non esiste più; chiediamo agli abitanti della zona e qualcuno intento nello scavo faticosa per raggiungere l'ennesima tubazione dell'acquedotto scoppiata (ne abbiamo viste a decine in questo agosto 2015), ci segnala che la fonte si trovava nei pressi del tracciato della strada volterrana nuova che a Gambassi è una variante per evitare il transito del centro storico. E' abbastanza probabile che questo cantiere stradale risalente a circa 10 anni fa ed una vicina casa di recente costruzione, abbiano spazzato via per sempre le ultime tracce della fonte e dei suoi lavatoi, caduti e dimenticati (quasi da tutti) da decenni... eppure dai documenti si apprende che dovevano essere importatissimi per moltissimi gambassini. Davvero un peccato!

Lasciamo Gambassi in direzione Certaldo, percorrendo la strada provinciale si allineano alcune strutture che dovremo presto visitare, ma siamo diretti ad una di queste in particolare. La sua originale conformazione ci rammenta anche che i tracciati stradali nei secoli non sempre sono stati mantenuti uguali a quelli attuali, rettifiche, tagli di percorso, intersezioni non più esistenti o, al contrario innesti di strade che videro la luce solo molto più tardi sono piuttosto frequenti... ed i manufatti affacciati sulle strade (edicole e tabernacoli prima di tutti) sono li ancora oggi a segnalarcelo.

Vorrei ricordare a riguardo lo studio del amico Stefano che anni fa ha chiarito proprio questa dinamica con la sua tesi di laurea dedicata alla strada volterrana che attraversa il territorio di Gambassi.

Segui tutte le novità di quest'argomento sui social:

 Associazione Eta Beta onlus

Eta Beta Onlus

Visita notturna alla Fontana di San Martino alle Fonti

User Rating:  / 0

Mercoledì 22 luglio 2015 visita gratuita in notturna
alla Fontana di San Martino alle Fonti
in occasione delle Notti dell'Archeologia 2015
Primo turno: ore 21,30 - Secondo turno: ore 22,30. 
Occorre prenotare online: http://form.jotform.com/form/10955428709

Navetta gratuita a disposizione per chi si è prenotato.

Fermate: via Di Vittorio - viale Roosevelt - piazza Gramsci - piazza Cavour

Info: linea verde 800.134988 presso "Eta Beta Onlus" oppure tel. 324.7799951

htpp://www.etabetaonlus.org

seguici su FACEBOOK e TWITTER: Associazione Eta Beta Onlus

A presto!

Campagne di salvaguardia di fontane e tabernacoli

 

 

XI Campagna di Salvaguardia

 

Sostiene anche tu la campagna per finanziare il restauro della fontana di San Martino alle Fonti

Oggi è partita l'XI campagna di salvaguardia di fontane e tabernacoli che si concentrerà sulla documentazione e rilevazione di strutture conosciute e "scoperte" negli ultimi anni. Grazie al censimento realizzato l'anno scorso, si inizia a lavorare sulle strutture del territorio di San Miniato e dei comuni contermini. Area ricca di siti rurali ed urbani di cui si documentano le informazioni toponomastiche e tematismi connessi all'uso dell'acqua come fontane, lavatoi, pozzi, abbeveratoi, sorgenti ed agli edifici sacri minori come edicole, pilastrini, nicchie, crocifissi, cappelle ed oratori.

   

Si tarano e si provano gli strumenti che saranno utilizzati nella campagna dai volontari del team di ricerca.

foto: Elisabetta Su